PAK CHOI

PAK CHOI

PAK CHOI

PAK CHOI

Il pak choi è un tipo di cavolo cinese contraddistinto da foglie molto croccanti, che somigliano molto a quelle delle bietole. Il sapore è molto delicato e potrebbe risultare un po’ amarognolo, ma ha un profumo molto gradevole che lo rende alimento molto apprezzato nella cucina asiatica e ora anche dalle nostre parti. L’ortaggio non assomiglia per niente a un cavolo classico, piuttosto ricorda nella forma la bietola, nonostante il genere di appartenenza sia lo stesso degli altri cavoli, la Brassica.

Ha numerose proprietà benefiche. La tradizione orientale prevede l’utilizzo di questo prodotto in tantissime ricette, dalle zuppe alle insalate, e fondamentale risulta il metodo di cottura: per usufruire di tutte le sue proprietà benefiche è meglio cuocerlo poco o gustarlo crudo.

Le proprietà benefiche

Il cavolo cinese viene coltivato attualmente anche in Europa e grazie al suo sapore, più gradevole rispetto a quello degli altri ortaggi simili ad esso, viene apprezzato spesso anche da chi non ama consumare particolarmente queste verdure. Consumandolo potremo usufruire di numerose sostanze nutritive importanti per il nostro organismo. I valori nutrizionali di questo prodotto, infatti, è ricco di sali minerali, come calcio e potassio, di proteine, di fibre e di vitamine (in particolare la A, la C, la B2 e la K).

Si tratta di un ortaggio che dovrebbe essere consumato in particolare da parte di chi soffre di anemia, perché favorisce la produzione di globuli rossi. E’ ricco, quindi, di proprietà salutari, con un contenuto di calorie davvero basso (l’apporto calorico è di sole 19 kcal ogni 100 grammi di prodotto). Oltre alle numerose sostanze anti colesterolo che contiene (ricco di tiocianati), è un ortaggio ottimo per la salute perché contiene una quantità maggiore rispetto ai prodotti simili di polifenoli, caroteni e antiossidanti.

Tale composizione rende il pak choi un alimento caratterizzato da un notevole potere antinfiammatorio, efficace anche nel caso di infiammazioni di tipo cronico ed è in grado di regolare la pressione sanguigna riducendone i livelli.

Pak choi: coltivazione

Semplice da coltivare, questo tipo di pianta convive facilmente con altre piante. Richiede un’annaffiatura regolare affinché possa crescere in un terreno umido e fresco, ma senza ristagni di acqua. Il periodo di coltivazione del pak choi è piuttosto breve per cui può intercorrere anche solo un mese dalla semina al raccolto; si può seminare sia a fine inverno che a primavera ma anche in estate, avendo cura in tal caso di regolare la quantità di acqua in base alle temperature esterne.

Come si cucina

Per beneficiare al meglio delle caratteristiche benefiche di questo prodotto è fondamentale il metodo di cottura : meno facciamo cuocere il cavolo cinese, più possiamo usufruire degli effetti positivi del prodotto sulla nostra salute.

Le foglie del pak choi possono essere gustate crude per un’insalata davvero sfiziosa.

Oppure possiamo cuocere per pochissimo tempo al vapore . In alternativa queste ultime possono essere saltate in padella, ma non dovrebbero mai essere bollite.

La tradizione cinese prevede l’utilizzo del pak choi per la preparazione di zuppe, frittate e sformati, anche in associazione con altre verdure. Viene utilizzato spesso anche per la realizzazione di un piatto tipico, che è chiamato chowmein. Si tratta di una preparazione che comprende spaghetti di soia, zenzero, peperoncino e salsa di soia. Il pak choi può essere anche fatto saltare in padella con il riso o può essere sottoposto ad una cottura in forno per una decina di minuti. E’ buonissimo anche se lo condiamo solo con un po’ di olio d’oliva e un po’ di sale. Spesso viene consumato anche marinato o in salamoia, con l’aggiunta di cipolla, aglio e spezie.

RICETTE

PAK CHOI IN AGRODOLCE

Sminuzzate 2 spicchi d’aglio e riducete a pezzettini mezzo peperoncino. Prendete i pak choi e rimuovete delicatamente le foglie esterne, quindi divideteli a metà. Rosolateli in un po’ d’olio e aggiungete in padella sia l’aglio che il peperoncino tritato. Rosolate ancora per qualche minuto e aggiungete sulle verdure un composto a base di acqua, salsa di soia e salsa agrodolce. Lasciate cuocere a fuoco medio per una decina di minuti.

PAK CHOI CON PINOLI

Procuratevi qualche pak choi, privatelo del gambo e utilizzate solo le foglie, che andranno ridotte a listarelle. Mettete a cuocere queste ultime in forno a 120 gradi per una decina di minuti. Nel frattempo tostate i pinoli in padella. Friggete le listarelle di pak choi in abbondante olio fino a renderle verdi e croccanti. Aggiungete sale e un po’ di zucchero e cospargete la verdura di pinoli.

PAK CHOI CON ZENZERO

In questa ricetta vegetariana utilizzeremo sia il gambo che le foglie di pak choi. Cuocete i pak choi, prima i gambi, poi le foglie, in padella con un po’ d’olio, aggiungete dei cubetti di zenzero fresco e fate rosolare. Insaporite con salsa di soia e alzate un po’ la fiamma. Aggiungete in padella un po’ di peperoncino tritato e qualche cubetto di tofu.

SPAGHETTI DI RISO CON PAK CHOI

Prendete 5-6 pak choi e privateli delle foglie, tenendo da parte i gambi. Cuocete entrambi in padella, nel frattempo lavate i germogli di soia e tagliate a fettine sottili 1 cipolla. Preparate il condimento mescolando insieme aceto di riso, succo di limone, olio di sesamo, zenzero, shoyu. Fate cuocere gli spaghetti di riso in acqua e mettete a soffriggere la cipolla, aggiungendo in un secondo momento i gambi di pak choi. Aggiungete un po’ di marinata e di acqua, quindi coprite la padella e lasciate cuocere per circa 5 minuti. Versate il resto degli ingredienti in padella, mescolando il tutto insieme agli spaghetti di riso.

PAK CHOI CON LATTE DI COCCO

Preparate il condimento mettendo a cuocere in un pentolino del latte di cocco speziato con un pizzico di curry. Aggiungete anche il brodo vegetale, unite le carote a pezzetti, 1 cipolla tritata fine e le foglie di pak choi. A questo punto condite il tutto con un po’ di zenzero grattugiato, succo di lime e peperoncino fresco. Continuate a cuocere per circa mezz’ora scarsa. Nel frattempo preparate i noodles in acqua e una volta pronti, versateli in padella con il condimento.

ZUPPA DI MISO E PAK CHOI

Per prima cosa mettete a bollire il miso, nel frattempo rimuovete le foglie del pak choi e tritate qualche fungo (shiitake o maitake) e 2-3 cipollotti. Aggiungete le verdure tagliate e le foglie di pak choi nel miso, lasciando cuocere per circa 20 minuti. Prima di servire la zuppa al pak choi aggiungete qualche germoglio di soia e qualche altro cipollotto.

UDON CON PAK CHOI

Preparate gli udon in acqua salata, nel frattempo sbollentate in acqua calda i pak choi, ne bastano 4-5. Prendete della citronella commestibile e tagliatela a rondelle, quindi grattugiate dello zenzero fresco. Rosolate lo zenzero e la citronella in padella con un po’ d’olio, unite anche il pak choi che nel frattempo avrate ridotto a pezzetti e condite il tutto con peperoncino. Scolate gli Udon e aggiungeteli in padella insieme al condimento.

PAK CHOI E FUNGHI

Per prima cosa private 3-4 pak choi delle foglie, quindi tagliate a listarelle 2-3 peperoni rossi, mettete a bagno i funghi shiitake e tagliateli quindi a pezzi, unendoli alle altre verdure. Saltate le verdure, insieme a due spicchi di aglio, in padella con un po’ d’olio e condite con dello zenzero grattugiato. Infine aggiungete una salsa a base di acqua, salsa di soia e maizena.

PAK CHOI AL PEPERONCINO

Se amate i sapori piccanti provate questa ricetta al peperoncino. E’ sufficiente cuocere sia i gambi che le foglie di pak choi in padella con un po’ d’olio, ricordando che i gambi necessitano di un tempo di cottura più lungo. Condite con peperoncino fresco sminuzzato e lasciate rosolare. Infine aggiungete salsa di soia e cubetti di tofu.

RISO AL PAK CHOI

Fate tostare 130 gr di riso basmati con olio d’oliva in padella, aggiungete dell’acqua calda e lasciate cuocere a fiamma bassa per una decina di minuti. Affettate il pak choi e 1 cipolla, quindi versate entrambi in padella con un po’ d’olio, aggiustando di sale. Versate le verdure nel riso e lasciate cuocere finché il riso non sarà pronto. Servite il ben caldo.

PAK  CHOI  ESOTICO

Dopo aver pulito e lavato i pak choi, occorre tagliarli a tocchetti separando la parte bianca dei gambi dalle foglie; queste ultime, infatti, potranno essere aggiunte negli ultimi minuti di cottura visto che sono decisamente più tenere e facili da cucinare. A questo punto si può procedere riscaldando prima il wok in cui versare l’olio, lo zenzero e l’aglio; poco dopo andranno aggiunti anche i gambi del pak choi, che richiedono un maggior tempo di cottura.

Mescolare e aggiustare con sale e pepe (in base ai gusti) lasciando continuare la cottura fino ad ottenere dei gambi morbidi; verso la fine della cottura aggiungere anche le foglie e poi spegnere il fuoco versando i semi di sesamo nella padella ancora calda.
Q
uesta preparazione si rivela un ottimo contorno per secondi piatti.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *