La Quinoa

quinoaLA QUINOA

La quinoa (Chenopodium quinoa wild) è una pianta erbacea annuale tipica delle Ande, uno degli alimenti più importanti non solo della civiltà Inca, ma anche di alcune culture andine.

La pianta presenta fusti fibrosi alti fino a 2 metri e sviluppa grosse spighe costituite da numerosi prodotti.

È in grado di prosperare in climi umidi ed asciutti, in diverse condizioni di terreno, di temperature (da sotto zero a 38°C) e ad altitudini elevate.

Pur non essendo un cereale, la quinoa può essere utilizzata in modo simile a questi, ed è perciò considerata uno pseudo cereale. È naturalmente priva di glutine, ha proprietà nutritive molto valide : un alto valore proteico, è una fonte naturale di fibre, ha un alto contenuto di fosforo ed è considerata facile da digerire

Il suo utilizzo in cucina è ampio : sostituisce pasta o riso, si accompagna a piatti a base di verdure, legumi, ecc…

Molto nota ed usata da vegetariani e vegani per le sue grandi proprietà, la quinoa racchiude un concentrato di nutrienti diversi ed importanti per l’organismo, rendendola quasi un alimento unico.

Il 2013 è stato dichiarato, da parte dell’assemblea generale delle Nazioni Unite, anno internazionale della quinoa, come riconoscimento per i popoli indigeni andini, che hanno mantenuto, controllato, protetto e conservato la quinoa come cibo per le generazioni presenti e future attraverso la conoscenza e le pratiche del vivere in armonia con la natura.

L’obiettivo è quello di focalizzare l’attenzione del mondo sul ruolo che la quinoa gioca a sostegno della biodiversità, sul suo valore nutritivo, sull’eliminazione della povertà a sostegno del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio.

La si può trovare anche in forma di farina ed è un ingrediente versatile e ideale come farina alternativa, naturalmente senza glutine, da usare in purezza o insieme ad altre farine.

Gli Inca la chiamavano “chisiya mama” cioè “madre di tutti i semi”.

In cucina la farina di quinoa si usa per preparare prodotti da forno, sia dolci che salati, biscotti, gallette, pane, grissini, torte…

Ecco due semplici ricette :

PENNE DI QUINOA CON CREMA DI AVOCADO, BASILICO E SPINACINI

penne quinoa con crema avocado

Ingredienti per 4 persone :

  • 200 gr penne di riso e quinoa

  • 2 avocado maturi

  • 300 gr spinacini freschi

  • 60 gr basilico fresco

  • 2 limoni

  • peperoncino in polvere

  • mandorle in scaglie

  • sale e pepe

  • olio extra vergine d’oliva

Preparazione :

tagliate a metà gli avocado, rimuovete il nocciolo centrale, togliete la buccia e tagliateli a pezzettoni. Lavate e asciugate il basilico e gli spinacini. Nel tritatutto mettete l’avocado, le foglie di basilico, gli spinacini, il succo dei limoni, una spolverata di peperoncino, un pizzico di pepe, una bella presa di sale, un po’ d’olio e circa 6 cucchiai d’acqua.

Azionate il tritatutto e frullate fino ad ottenere una crema liscia.

In una pentola portate a bollore abbondante acqua salata e lessatevi le penne al dente. Quando saranno pronti, tenete da parte una tazza d’acqua di cottura, scolatele e conditele con la crema di avocado.

Se fosse necessario ammorbidite la crema allungandola con l’acqua di cottura tenuta da parte.

Servite e completate ogni piatto con delle scaglie di mandorle.

FOCACCIA DI QUINOA CON POMODORINI E BASILICO

focaccia quinoa con pomodorini

Ingredienti per 4 persone :

  • 350 gr farina di quinoa

  • 8 cucchia di olio extra vergine d’oliva

  • lievito per torte salate

  • 100 ml di acqua tiepida

  • 200 gr pomodori maturi

  • basilico fresco

Preparazione :

mescolate tutti gli ingredienti secchi in una terrina, quindi aggiungetevi l’acqua e l’olio extra vergine d’oliva. Mescolate bene per evitare i grumi e lavorate fino ad ottenere una massa liscia. Stendete la pasta, che come verificherete sarà piuttosto morbida, su una teglia rettangolare coperta da carta da forno.

Decorate la superficie della focaccia di quinoa con i pomodorini freschi lavati e tagliati, quindi cuocete in forno caldo a 180°C per 30 minuti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *