GERMOGLI

NEI GERMOGLI L’ENERGIA VITALE SI RENDE MANIFESTA IN TUTTA LA SUA POTENZA

Pieno delle sostanze nutritive di cui la pianta ha bisogno durante la crescita è ricco di enzimi vitali, il seme è il nucleo stesso della vita. Tutta l’energia e la vita di una pianta si concentrano nella produzione dei semi. Ogni singolo seme contiene vitamine, minerali, proteine, grassi e carboidrati (amidi) di riserva, in attesa dell’ambiente adatto per cominciare a crescere. In presenza di aria, acqua, e di una temperatura adeguata, si compie un vero miracolo. Quando il seme germina, si libera un’incredibile flusso di energia: ecco allora che si verificano cambiamenti chimici naturali e si producono enzimi per convertire le sostanze nutritive immagazzinate nel seme in quelle necessarie alla crescita della pianta. I minerali presenti nei germogli sono chelati, il che significa che allo stato naturale sono legati chimicamente agli amminoacidi, e perciò facilmente assimilabili dall’organismo umano.

Nei germogli, come in altri alimenti crudi, tutte le sostanze nutritive cooperano in naturale armonia ed equilibrio per essere utilizzate in modo ottimale dall’organismo umano. La cottura distrugge questo equilibrio spezzando la disposizione molecolare dei nutrienti. A temperature superiori ai 40 °C gli enzimi, così come la maggior parte delle vitamine contenute negli alimenti, vengono distrutti. I minerali contenuti nei cibi cotti non sono più chelati e sono perciò più difficilmente utilizzabili dall’organismo. Anche le proteine vengono danneggiate dalla cottura, perché si sbilanciano i rapporti fra gli amminoacidi. Oltre agli enzimi, che sono un prezioso aiuto per la digestione, i germogli contengono fattori alimentari vitali: le correnti di energia che fluiscono in tutti gli organismi vivi e che li differenziano da quelli morti. I germogli sono biogenici, cioè sono vivi. una montagna di alimenti cotti non può fare per la guarigione e la rigenerazione dell’organismo ciò che un singolo seme germogliato è in grado di operare. Le proteine vegetali sono proteine della miglior qualità in assoluto, e i germogli ne sono ricchissimi. Sono proteine facilmente utilizzabili dall’organismo, hanno un basso contenuto di grassi e non contengono grassi saturi o colesterolo. Gli amminoacidi agiscono sulle cellule del sangue e dell’organismo nel processo di auto-rigenerazione che ci ringiovanisce e ci prolunga la vita fondamentali nel rinnovamento delle cellule, per l’immunità dalle malattie, per la guarigione rapida delle ferite e per una corretta funzione epatica. Fino al momento in cui viene consumato, un germoglio fresco crudo aumenta e arricchisce il proprio valore nutrizionale. Le sostanze nutritive rimangono intatte fino a quando cominciamo a masticarlo.

Per soddisfare il bisogno dell’organismo di minerali come il calcio, il potassio, il ferro, il fosforo e il magnesio in modo sano e sicuro, assumerli dai germogli e da altri alimenti vivi sotto forma di sali minerali organici. È così che gli umani hanno soddisfatto per millenni il proprio fabbisogno di minerali.In generale, i germogli sono fonti eccellenti di oligoelementi come iodio, zinco, selenio, cromo, cobalto e silicio.

Clorofilla nei germogli: Uno dei composti nutritivi più importanti contenuti nei germogli, la clorofilla ha proprietà nutrizionali e terapeutiche con aspetti vitali da super nutrimento Il primo è la sua capacità di creare vita nella pianta grazie alla conversione dell’energia solare, che ne fa una specie di batteria vivente; il secondo è la sua notevole somiglianza con una componente vitale del sangue umano: l’emoglobina. Circolando nel flusso sanguigno, le molecole di emoglobina trasportano l’ossigeno alle cellule di tutto l’organismo. A differenza degli esseri umani e degli animali, che ricavano l’energia dal cibo, le piante la traggono direttamente dal sole. Nel processo noto come fotosintesi, esse creano e immagazzinano l’energia dei carboidrati grazie all’azione del sole sulle foglie. Nei germogli verdi freschi, questa energia è immediatamente disponibile all’organismo per la guarigione e la rigenerazione delle cellule. Inoltre, gli elementi chimici contenuti nella clorofilla contribuiscono alla produzione dei globuli rossi contenuti nel flusso sanguigno. La molecola della clorofilla è piuttosto simile a quella dell’emoglobina: la principale differenza è che la clorofilla ha come nucleo uno ione di magnesio, mentre l’emoglobina è strutturata intorno al ferro.

Enzimi e fattori alimentari vitali, proteine, vitamine, minerali e clorofilla:

i benefìci nutrizionali dell’inclusione nella dieta dei germogli.

germogli

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *